Quand'è il caso di mollare?

“Ciao ti ho conosciuto attraverso il tuo podcast e mi piacerebbe intraprendere un percorso di crescita personale con te.

Sono alla ricerca di un life coach, di qualcuno che mi aiuti a non mollare”.

Leggi tutto

Questo è uno dei classici messaggi che ricevo settimanalmente, al quale segue una sessione esplorativa gratuita ed eventualmente un percorso di coaching, ma mi preme fare un piccolo chiarimento in questo breve articolo: non è compito del coach quello di dirti “forza, vai avanti, non mollare!”, per lo meno non da subito.

Il primo passaggio fondamentale è comprendere se davvero quella battaglia vada combattuta, se quell’impresa per il cliente è realmente rilevante.

Ci sono diverse situazioni in cui mollare significherebbe rinascere. 

Te ne elenco alcune:

1 quando ti rendi conto che stai lottando per inerzia senza alcun reale interesse del risultato. Lo fai semplicemente perché lo hai sempre fatto e non sai più perché

2 quando la realtà ti ha messo più e più volte in evidenza che la tua impresa non è realizzabile, per lo meno non se continui ad agire allo stesso modo

3 quando quello che stai facendo ti rende infelice, frustrato, sofferente. E’ al benessere che devi puntare!

4 quando per l’ennesima volta hai detto  - “mi do un’ultima possibilità” - ma puntualmente non hai rispettato la promessa.

5 quando continui a farlo perché associ alla parola “mollare” il significato di “fallimento”. Prova a valutarne altri di significati come “rinascita”, “liberazione”, “nuova prospettiva”. Le parole sono importanti!

6 quando stai anteponendo la paura del giudizio altrui alla tua felicità.

Se senti di essere in una di queste situazioni, t’invito ad esplorare più attentamente la tua situazione attuale e a valutare altre opzioni, tra cui mollare.

Ora facciamo un esercizio insieme:

1 chiudi gli occhi ed esegui tre respirazioni profonde

2 immagina di compiere le solite azioni, quelle che ti provocano sofferenza

3 immagina di avere delle ali e di cominciare a volare, ad allontanarti da esse, a vederle sempre più lontane, sempre più piccole

4 registra le sensazioni che provi

5 lentamente riapri gli occhi.

Cos’hai provato? Cos’hai sentito?

Se hai sentito un forte sentimento di libertà e di sollievo, forse dovresti valutare, tra le tante, l’eventualità di mollare.

 

Parola di Life Coach

 

🎯 SEGUI IL MIO PODCAST 🎯PAROLA DI LIFE COACH🎯

👇🏽👇🏽👇🏽Clicca qui 👇🏽👇🏽👇🏽

https://www.carloloiudice.com/it/podcast.html

 

👇🏽👇🏽NEW NEW NEW👇🏽👇🏽

🌞Scarica gratis un PDF per creare la tua Morning Routine in 5 step

https://www.subscribepage.com/morning_routine

 

👇🏽👇🏽AUDIO CORSO GRATUITO👇🏽👇🏽

💪🏽Sulla SELF-CONFIDENCE

http://carloloiudice.com/subscribe/sicuro_di_te

 

👉🏽 INSTAGRAM https://www.instagram.com/carloloiudice/

 

👉🏽 LINKEDIN https://www.linkedin.com/in/carloloiudice/

 

👉🏽 TIKTOK https://www.tiktok.com/@carloloiudicecoach

 

👉🏽 FACEBOOK https://www.facebook.com/carloloiudice

 

👉🏽 GRUPPO FACEBOOK https://www.facebook.com/groups/CarloLoCoach/

 

 

🔦Per gli amanti dei CORSI ONLINE, ecco alcuni dei miei corsi su UDEMY

 

👉🏽Parlare in Pubblico in 4 Mosse (Best Seller)

https://www.udemy.com/course/parlare-in-pubblico-in-quattro-mosse/?referralCode=14F56D65EBDA8B61D3ED

 

👉🏽Parlare in Pubblico - Livello Avanzato

https://www.udemy.com/course/parlare-in-pubblico-2-livello-avanzato/?referralCode=D53B220F6B2CD318EF9F

 

👉🏽Ascolto Attivo

https://www.udemy.com/course/ascolto-attivo/?referralCode=8C337B6BF8C31D5D328F

 

👉🏽Midset Vincente

https://www.udemy.com/course/mindset-vincente-mentalita-da-leader-per-ottenere-successo/?referralCode=82E1121EF529A247E0BD

 

👉🏽Story Telling

https://www.udemy.com/course/story-telling-per-public-speaking-e-business/?referralCode=40CF7C51F636B27FD93B

 

👉🏽Leggere ad Alta Voce in 4 Mosse

https://www.udemy.com/course/leggere-ad-alta-voce-in-4-mosse/?referralCode=F9F1C1B03CA6F6417FCC

 

👉🏽Presentazioni con SLIDE

https://www.udemy.com/course/slide-queste-sconosciute/?referralCode=3B7D393771A4E5024299

 

👉🏽Public speaking per docenti

https://www.udemy.com/course/parlare-in-pubblico-corso-per-docenti-coach-e-istruttori/?referralCode=4726975739DF6E2DEF40

 

👉🏽 Ridurre la CADENZA DIALETTALE

https://www.udemy.com/course/ridurre-la-cadenza-dialettale-con-esercizi-di-dizione/?referralCode=2D23EDEAD59E52BCF0B6

 

Condividi

San Valentino 💝 è la festa degli innamorati quindi serata di cene romantiche, eventi, regali.

💔 Ma per single e cuori infranti questa festa potrebbe essere un giorno in cui la tristezza prende il sopravvento.

Come fare a rendere questo giorno un momento di celebrazione anche se non si è in coppia? Ecco 3 step facili facili da seguire 👇🏽

Leggi tutto

Sono anni ormai che ogni San Valentino mi risuonano nelle orecchie le parole di "Un amore felice" della poetessa polacca Wislawa Szymborska

Guardate i due felici:
se almeno dissimulassero un po',
si fingessero depressi, confortando così gli amici!
Sentite come ridono – è un insulto

Se sei reduce da una delusione o se ti si è consumato il pollice a furia di fare swipe su tinder alla ricerca dell'anima gemella, 

ma hai invece fatto il pieno di contatti che d'improvviso scompaiono, vedere due innamorati che ridono, si abbracciano, si sorridono può davvero fare incazzare!

Ricorda che la tua condizione, non dipende dal successo (sempre ammesso che lo sia!) degli altri. Odiare non serve a nulla.

Ma ecco, invece, come poter affrontare questo giorno in maniera positiva:

✅  ricorda che le ricorrenze sono in realtà un giorno come un altro al quale siamo noi che diamo un significato specifico e che quindi non c'è nessun complotto contro di te

✅ se sei reduce da una delusione d'amore, questo è il momento per voltare pagina e per scegliere un nuovo futuro, fare quello che hai sempre sognato di fare, realizzarti!

✅ scrivi una lettera d'amore alla vita indirizzata a te, partendo dai risultati raggiunti nell'arco della tua vita, piccoli o grandi che sia.

 

Sono tre passaggi semplici che ti aiuteranno a tenere il focus attivo sul buono e che ti daranno la forza di andare avanti con slancio.

🎯 San Valentino non è un giorno di rimpianti, San Valentino è uno dei tanti giorni della tua vita in cui muovere un ulteriore passo in avanti.

Il life coaching mi ha insegnato che quello che conta è continuare a lavorare su se stessi.

 

PS

🥊 Sempre per rimanere in tema di miglioramento personale, ti ricordo che il 26 Febbraio 2022 potrai partecipare al workshop online VOGLIO CAMBIARE 

e che potrebbe essere ancora attivo lo sconto! (cod. ILPRIMOPASSO)

Condividi

Ho un amico che incontro, fortunatamente, molto raramente.

È una persona che stimo molto, gentile, colto e allora perché quel "fortunatamente" nella frase di apertura di questo articolo.

Te lo dico subito.

Leggi tutto

Questo mio caro amico ha una percezione dello spazio molto diversa dal mio.

Quando parla invade quello che io considero il mio spazio, inteso proprio in centimetri cubici, privato.

Ognuno di noi si muove come se fosse all'interno di una sfera gigante. All'interno di essa ci sentiamo protetti e non tutti è concesso invaderla.

Può farlo una persona con la quale scegliamo di avere rapporti d'intimità, ma non può farlo chi riteniamo estraneo a tale prossimità.

La prossemica - di cui ti parlo in questo video - studia il rapporto tra spazio e persone, suddividendolo in 4 diversi livelli:

  1. La distanza intima - quella al di sotto dei 50 cm
  2. Distanza personale - quella che va dai 50 cm al metro o poco più
  3. Distanza sociale - quella che va dal metro ai 3 metri.
  4. Distanza pubblica - quella che va oltre i 3 metri.

(nel video trovi maggiori dettagli)

A queste se ne aggiunta una che è in realtà una prescrizione, data la pandemia, che è il distanziamento sociale.

 

La distanza è un elemento fondamentale nella comunicazione e rientra nel famoso e tanto citato "linguaggio non verbale" e cambia anche a seconda dei luoghi.

Differenti culture hanno un differente rapporto con la distanza.

Essere coscienti della prossemica ti renderà un comunicatore migliore.

 

Carlo Loiudice

 

🎯 SEGUI IL MIO PODCAST 🎯PAROLA DI LIFE COACH🎯

👇🏽👇🏽👇🏽Clicca qui 👇🏽👇🏽👇🏽

https://www.carloloiudice.com/it/podcast.html

 

👇🏽👇🏽NEW NEW NEW👇🏽👇🏽

🌞Scarica gratis un PDF per creare la tua Morning Routine in 5 step

https://www.subscribepage.com/morning_routine

 

👇🏽👇🏽AUDIO CORSO GRATUITO👇🏽👇🏽

💪🏽Sulla SELF-CONFIDENCE

http://carloloiudice.com/subscribe/sicuro_di_te

 

 

Condividi

Accettare non significa approvare.

Nella mia vita ho dovuto diverse volte fare i conti con rabbia e frustrazione.

Credo che sia un’esperienza comune a molte persone.

Leggi tutto

Come attore ho sperimentato quella sensazione di non essere compresi, il sentirsi classificati come superflui se non addirittura parassiti - l’arte vive di finanziamenti - un inutile costo, un elemento di biasimo e di compassione.

 

Nonostante ciò ho sempre alzato la testa e continuato in maniera ostinata a percorrere la mia strada.

 

Ma qual era la fonte di tale dolore?

Oggi, e grazie a percorsi di life coaching, ho la risposta. 

Confondevo approvazione con accettazione.

 

Accettare non significa essere d’accordo.

 

Tutt’ora non sono d’accordo con chi ritiene che l’arte sia una spesa di cui si possa fare a meno e che che gli artisti siano solo persone immature e con poca voglia di fare un lavoro “serio”.

Ma accetto che il confronto con questo tipo di realtà sia inevitabile, perché se fai l’artista devi mettere in conto che dovrai superare una serie di difficoltà e scontrarti con una serie di luoghi comuni difficili da sradicare.

 

Accettare non significa non sentire dolore, ma riconoscergli uno spazio ed un tempo.

 

Il primo passo è accettare, sedersi e osservare, lasciare che dolore, paura, rabbia frustrazione possano scorrere fino a liberarsene.

L’accettazione è il primo passaggio. Si tratta di un processo di ascolto e di osservazione. 

 

Stiamo parlando di mindfulness.

 

Accettare non significa nemmeno rassegnarsi, ma bensì trasformare quell'esperienza in opportunità di crescita.

La rassegnazione è l'auto costrizione all'immobilità. È accettazione sofferta. Nuovo dolore.

 

L'accettazione è lo step che precede l'azione.

E ora stiamo parlando di coaching.

 

PS

Partecipa Sabato 26 Febbraio 2022 (9,30/13,00)

al workshop collettivo di Life Coaching che terrò online.

clicca qui per scoprire di più: VOGLIO CAMBIARE

Condividi

il 2022 è alle porte, preparatevi a trovare contenuti che hanno titoli di questo tipo:

"Buoni propositi per il 2022" oppure "New Year's Resolutions per l'anno 2022".

Di cosa si tratta?

Leggi tutto

Di liste di obiettivi da raggiungere nel nuovo anno.

Se le avete fatte negli anni passati, sapete già come va a finire: dimagrire, smettere di fumare, guadagnare di più, trovare il grande amore...

tutto rimane sospeso da Febbraio in poi. 

Ma perché tali liste di buoni propositi non funzionano mai?

Perché ci affidiamo al mito della motivazione. 

La motivazione è una specie di forza che ti spinge nella fase iniziale ma che man mano si va spegnendo fino ad esaurirsi del tutto.

Quello che invece funziona è l'avere una vision.

La vision ha il potere di trasformarci in un motore perpetuo che anzi si carica sempre di più, strada facendo.

Nel workshop "Voglio Cambiare" che terrò online via zoom il 15 Gennaio 2022 dalle ore 9,30am lavoreremo in questa direzione con lo scopo di vedere i tuoi obiettivi realizzarsi una vota per tutte.

Faremo life coaching di gruppo.

Avrai modo di confrontarti con altri partecipanti, di fare nuove amicizie e di usufruire dell'energia del gruppo.

Voglio Cambiare è un workshop di life coaching collettivo straordinario, è un regalo che devi concerti se non vuoi rispolverare nuovamente la solita vecchia lista dei 

desideri a fine 2022 per il prossimo di anno.

Se vuoi che le cose cambino, devi cambiare il tuo modo di agire.

L'azione è l'unica a produrre risultati.

Ci stai ancora pensando?

Clicca qui e prenota il tuo posto!

Ti aspetto.

 

Condividi