I consigli degli amici, servono?

Analizzeremo quattro motivi che spingono chi ci circonda a scoraggiarci dal miglioramento personale.

In questo video faremo una riflessione su quello che gli amici ci dicono ogni volta che decidiamo di accettare nuove sfide e uscire dalla nostra comfort zone.

Quando diciamo “la gente penserà male di me che” stiamo usando la parola generica “gente”. Ma a chi ci riferiamo realmente?

Spesso parliamo di chi ci circonda e cioè dei nostri amici e conoscenti vari. Il mondo del lavoro e la vita in generale ci pongono sempre di fronte a nuove sfide.

Se lasciamo campo libero alle nostre paure ed insicurezze, saremo sempre in balia degli eventi.

Vuoi avere self-confidence? ti piacerebbe poter essere più sicuro di te stesso, avere maggiore consapevolezza e non essere vittima del panico tutte le volte che una nuova sfida, come quella appunto di progredire nella tua carriera? Allora questo è il video che fa per te. Passiamo in rassegna quattro motivi che ci ostacolano nel processo di crescita personale.

1 - affetto 2 - fiducia 3 - invidia 4 - auto condizionamento.  

Se comunichi agli amici una scelta che entra in contrasto con il mondo di affetti che vi lega, come per esempio la decisione di andare a vivere all’estero, che prevede distanza, nostalgia e mancanza, alcuni tuoi amici potrebbero scoraggiarti giocando, inconsciamente e inconsapevolmente, sulle tue paure e ansie. La paura di dover imparare una lingua straniera, la paura di dover adattarsi ad una nuova città, la paura di dover adattarsi a meteo e cibo, tutto questo potrebbe far sì che tu non accetti il cambiamento e la sfida.

La tua motivazione personale deve essere superiore e, con l’aiuto di un life coaching o da solo, devi cercare di superare questo ostacolo. La fiducia. I tuoi amici ti conoscono nel tempo libero, nel tuo dopo lavoro, nel momento di svago. Non conoscono la parte di te in grado di prendere responsabilità e di portare aventi il proprio lavoro.

Quella motivata, quella che non si ferma al primo ostacolo ma che procede con self-confidence e determinazione. Conoscendo solo il lato ludico di te, potrebbero tendere a preservarti da paure e delusioni. L’invidia. E’ uno dei sentimenti più negativi in assoluto. La tua realizzazione personale potrebbe mettere in luce le frustrazioni i fallimenti di altri, gli stessi che ti scoraggeranno dall’affrontare nuove sfide.

Challenge yourself and don’t give a shit about them, “non ti curar di loro e passa”, come scrive Dante Alighieri ne La Divina Commedia L’auto condizionamento.

Ognuno di noi ha un dialogo interno, una voce che continuamente gli parla. Spesso diamo a questa voce una personalità in grado di condizionare le nostre azioni. Auto giudizio e condizionamento. Questa voce potrebbe essere quella, sempre e solo nella tua testa, di un tuo amico. La paura di perdere identità e reputazione, valori attribuitici da altri, come dice il filosofo Galimberti, potrebbero prevalere sulle tue decisioni e condizionarle in peggio. Ma attenzione, stai pensando quello che gli altri pensano di te, il che è un ossimoro. Non puoi leggere in realtà il pensiero di terzi. Ancora una volta hai necessità di lavorare sulla tua personalità e di accrescere la fiducia in te stesso per poter superare questa ulteriore sfida.

Se vuoi evitare questi problemi, e al tempo stesso hai bisogno di condividere delle scelte con qualcuno, un life coaching potrebbe essere quello che fa al caso tuo.

Un coach, come uno psicologo - se pur con delle diverse competenze - è un estraneo e non è coinvolto emozionalmente nelle tue scelte, può quindi aiutarti a chiarire i tuoi obiettivi, a definire dei gaol e a farti uscire dalla confort zone. Gli amici sono importanti, ma spesso amici e business devono essere ben distinti e stare lontani.