S.M.A.R.T GOAL

Prima di parlarti di SMART Goal, ti pongo una domanda. Hai presente i nuovi propositi per il nuovo anno, quella famosa lista di obiettivi che puntualmente resta inattesa?

Tanti goal prefissati e mai raggiunti nelle varie sfere della vita: lavoro, produttività, salute, affetti, viaggi, sport, dieta, finanza, studio, ecc.

Una serie di obiettivi che finiscono nel dimenticatoio, lasciando uno strascico di frustrazione ed ansia che non fa altro che rafforzare credenze limitanti, senso d'inconcludenza e minare la fiducia in se stessi.

Non realizzare un goal è molto più dannoso di quanto si possa credere.

Ma niente paura, sono qui per darti un buon consiglio da coach!

Darsi obiettivi è fondamentale. Non procrastinare e rispettare i propositi lo è ancora di più. In questo video ti parlerò di SMART Goal, cioè di come fissare obiettivi in maniera intelligente.

S.M.A.R.T. è un acronimo inglese che sta per Specific, Measurable, Achievable, Relevant, Time Bounded, ovvero Specifico, Misurabile, Raggiungibile, Rilevante e Limitato nel tempo.

Analizziamo questi termini uno alla volta. Pratica quanto ti dirò e vedrai crescere la tua produttività e di conseguenza la tua motivazione e la tua autostima impennarsi notevolmente.

S - Specific/Specifico. Designa obiettivi in maniera specifica. Dire vorrei migliorare la mia salute non basta. Chiediti “che cosa intendo” per migliorare la mia salute? Dimagrire. “Cosa intendi per dimagrire”? Perdere trenta chili. Bene, bravo. Questo è un obiettivo specifico. "Conoscere il vostro obiettivo è la chiave fondamentale per raggiungerlo". (Anthony Robbins)

M - Measurable/Misurabile. Il goal deve poter essere misurabile per poter tenerne sotto controllo il progresso. Se il goal fosse “correre una maratona di 30 chilometri” devo avere una schedule di allenamento giornaliera o settimanale con i vari chilometri da percorrere durante l’allenamento.

A - Achievable/Raggiungibile. Sognare è importante, ma bisogna imparare a farlo con i piedi per terra. Se il mio desiderio fosse quello di andare a vivere su Nettuno, dovrei interrogarmi e valutare la fattibilità di esso. Non essere troppo clemente con te stesso. Michelangelo Buonarroti diceva "“Il più grande pericolo per molti di noi non sta nel fatto che i nostri obiettivi siano troppo elevati e quindi non riusciamo a raggiungerli, ma nel fatto che siano troppo bassi e che li si raggiunga. " e Anthony Robbins dice "obiettivi limitati equivalgono a esistenze limitate, ragion per cui fissatevi gli obiettivi più alti possibili". Punta in alto, sii ambizioso, accetta qualche sfida ardua, ma senza esagerare.

R - Relevant/Rilevante. Simon Senek nel suo libro “Find Your Why” ci parla dell’importanza di avere un proprio “perché”, motore di ogni nostra azione. Chiediti perché vuoi raggiungere questo goal. Quanto importante per te sia il tuo buon proposito. Se non trovi una risposta a questa domanda, forse è il caso di rivalutare il tuo goal. Forse non è il caso di investire risorse ed energia che potresti dedicare ad altro.

T - Time Bounded/Limitato nel Tempo. Quando, in quale giorno e che ora il tuo goal potrà essere definito come raggiunto? Determina una date di fine, una deadline, una scadenza e determinala in maniera precisa e specifica. Prendiamo i famosi propositi per il 2020 o per il nuovo anno in generale. Dire “l’anno prossimo” non è considerabile una scadenza. Dire il 30 Aprile alle ore 12:30 è una deadline precisa e imprescindibile.

Ultimo consiglio da coach è quello di designare i goal partendo proprio dalla data di scadenza e di determinare man mano le varie tappe necessarie per raggiungerli. Scrivi tutto nero su bianco, possibilmente su agenda e calendario (anche online va bene) e vedrai, in questo modo, incrementare sempre più la tua produttività.

Segui anche gli altri miei video, contattami, e continua così sulla strada del miglioramento personale.